La gioia di benedire un'unione

Il patto d'amore fra due uomini celebrato nella chiesa valdese di Palermo

Sabato 9 luglio è stato un giorno di festa per la chiesa valdese di Palermo, che ha benedetto il patto di amore tra Giovanni Bonanno e Roberto Sucameli. Non sarebbe neanche una notizia, perché la vita di una chiesa cristiana è fatta soprattutto di gioia: la gioia del servizio del prossimo, della testimonianza dell'amore di Dio, della meditazione sulla Parola, della condivisione comunitaria, pur con gli alti e i bassi che la vita presenta. Eppure, in un mondo ossessionato dalla vita sessuale di adulti rispettosi e consenzienti, la celebrazione di sabato scorso appare come un evento insolito. Ma, come disse Gesù, noi siamo nel mondo non del mondo.

Nulla di insolito: Giovanni e Roberto appartengono alla nostra chiesa, hanno chiesto di ricevere la benedizione della loro unione e la chiesa, sulla base dei regolamenti e della propria comprensione della Bibbia, ha risposto positivamente. Quel che è insolito è che per la società questo semplice atto — che, tra l'altro, non ha alcuna conseguenza dal punto di vista giuridico — sia vissuto come straordinario, rivoluzionario, bizzarro o addirittura abominevole, a seconda del punto di vista. Questo la dice lunga sulla società, non sulla chiesa valdese di Palermo.

La nostra speranza è che l'annuncio di una benedizione di Dio — di cui le coppie che si amano fanno già esperienza, senza bisogno dell'avallo di alcuna chiesa — possa portare frutto nella nostra chiesa e nella società. Quale frutto? Lo sapremo dopo. Quel che sappiamo è che dove c'è benedizione c'è abbondanza, edificazione, arricchimento spirituale.

Ecco un estratto dalla predicazione del pastore Peter Ciaccio:

L’amore sia senza ipocrisia. Aborrite il male e attenetevi fermamente al bene. Quanto all’amore fraterno, siate pieni di affetto gli uni per gli altri. Quanto all’onore, fate a gara nel rendervelo reciprocamente. Quanto allo zelo, non siate pigri; siate ferventi nello spirito, servite il Signore; siate allegri nella speranza, pazienti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, provvedendo alle necessità dei santi, esercitando con premura l’ospitalità.
Benedite quelli che vi perseguitano. Benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono allegri; piangete con quelli che piangono. Abbiate tra di voi un medesimo sentimento. Non aspirate alle cose alte, ma lasciatevi attrarre dalle umili. Non vi stimate saggi da voi stessi. Non rendete a nessuno male per male. Impegnatevi a fare il bene davanti a tutti gli uomini. Se è possibile, per quanto dipende da voi, vivete in pace con tutti gli uomini.
Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene. [Romani 12, 9-18.21]
In verità vi dico anche: se due di voi sulla terra si accordano a domandare una cosa qualsiasi, quella sarà loro concessa dal Padre mio che è nei cieli. Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro. [Matteo 18, 19-20]

Immagine: Eva Valvo

Interesse geografico: