Aprite questo pacco, viene fuori il mondo

Insediata nella chiesa di Torre Pellice la diacona Karola Stobäus

Un planisfero, cioè il mondo, che bambini e bambine della Scuola domenicale hanno tirato fuori da un pacco-regalo. La riflessione sul nostro rapporto con l’ambiente in cui viviamo ha contraddistinto la particolare liturgia di inizio d’anno nella chiesa valdese di Torre Pellice.

Non solo di ripresa delle attività, però, si è trattato. Il culto di domenica 8 ottobre ha visto anche l’insediamento della diacona Karola Stobäus, che dal luglio scorso è già presente nella comunità torrese. Proprio lei, insieme con il pastore Marcello Salvaggio, ha condotto un culto movimentato anche dalle visualizzazioni animate e da una confessione di peccato che riguardava il nostro rapporto con il Creato. L’annuncio della grazia («annuncio gioioso», sottolineava il foglio distribuito ai presenti), tratto dal testo di Genesi 9, 8-17, ha accompagnato l’esposizione, al di sopra del mondo, di un grande arcobaleno.

Dopo la cerimonia di insediamento (cerimonia senza fronzoli ma incisiva, condotta con convinzione dal Consiglio del Primo Circuito), sono stati invitati ad alzarsi i componenti e le componenti di commissioni, gruppi di attività, monitori, monitrici, ragazzi e ragazze di scuola domenicale, precatechismo e catechismo; alcuni e alcune di loro si sono poi ritrovati di fronte all’assemblea, per estendere la preghiera d’intercessione alle persone con cui interagiscono. Un ottimo modo per avviare l’anno, che proprio della preghiera, oltre che della lettura biblica, ha bisogno.

Interesse geografico: